Libertà di scrivere, ma non di leggere (e criticare)

Gli scontri con gli scrittori o aspiranti tali sono sempre utili. Ad esempio ti possono capitare conversazioni come queste, esempio di coerenza e intelligenza.

“Questo racconto/commento/post è scritto male/non mi piace/non funziona/ecc.”

“Io ho diritto di scrivere quello che voglio e come voglio. C’è il diritto di parola/di opinione/di espressione in questo paese.”

“Ottimo, quindi sono libero anche di esprimere la mia opinione: questo racconto/commento/post è scritto male/non mi piace/non funziona/ecc.”

“Non puoi dire agli altri cosa devono o non devono fare. Se non ti piace, non leggere.”

Il candidato trovi l’errore.

Un pensiero su “Libertà di scrivere, ma non di leggere (e criticare)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *