Di autori spammoni: ossia come NON farsi leggere

Una decina di giorni da mi è arrivata una mail da un aspirante autore che mi invita (a me, proprio a me) a leggere i racconti sul suo blog, inserendo nella mail una citazione (con errore annesso. Vediamo se lo trovate).

 

La mail più o meno è questa:

 

Ciao, tutto bene? Scrivo quest’email per proporti una citazione tratta dal mio libro “[Titolo del libro]”
“E non gli aveva forse dato lo stesso un sussulto, un’alterazione impercettibile nel suo battito, una dimostrazione che forse le fiamme che bruciano così ardentemente da arrivare al cielo, sono le stesse che è impossibile spegnere mai del tutto?”
Se ti è piaciuta, sul mio blog puoi leggere uno dei miei racconti!
Spero di non averti disturbato con quest’email, ti auguro buona giornata.
[Nome Cognome]
[url del blog]

 

Ora, voi direte, ma quanto sei cattiva a prenderlo in giro. Lui ha pensato a te, proprio a te, non lo vedi quel ‘ciao, tutto bene?’ così confidenziale? E no cari i miei marshmallow fragolosi (bleargh), perché il signorino ha mandato la mail a più di quaranta persone con gli indirizzi IN CHIARO.

 

Ora voi mi direte, ma quanto sei cattiva, magari ha sbagliato e voleva metterti in CCN ma si è sbagliato. E no, croccantini al burro (argh!), perché su facebook scopro che l’autore in questione ha preso una serie sterminata di indirizzi di genti che lavorano di editoria, li ha divisi per cognome, e poi ha mandato la famigerata mail dividendoci a gruppi. Con gli indirizzi TUTTI RIGOROSAMENTE IN CHIARO.

 

Ora, nel mio gruppo ci sono state reazioni infastidite ma pacate, mi è giunta voce di altri gruppi in cui sono scattati gli insulti peggiori e persino minacce di denuncia (?). Non condivido la scelta di rispondere in maniera così piccata. Io ho risposto che lo ringraziavo per il gentile e personale pensiero, mi sono fatta quattro risate ed è finita lì.
Capita però che io sia iscritta a LinkedIn e ultimamente ci stia passando un po’ di tempo sopra per allargare la mia rete e contatti, quando mi arriva un messaggio e TADAN, è il nostro Scrittore Impenitente e Spammone, che non pago degli insulti ricevuti persevera nella sua diabolica opera. E lo fa sia con me che con altri miei contatti.

 

Ora, cocco de zia, davvero credi che venirmi a molestare e a tirare per la giacchetta sia un buon modo per farti leggere? Ma soprattutto quando hai visto le reazioni scazzate non te le sei fatte due domande?

 

Una cosa è sicura, per una questione di principio io i tuoi racconti non li leggerò mai, perché internet è piena di scrittori bravi che meritano visibilità. ma non mi pare giusto che vinca il più molesto.

 

E tu questo sei: molesto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *